I cittadini di Monte Sacro hanno raccolto 3.000 firme , organizzato una grande manifestazione pubblica, coinvolto tutte le istituzioni perché il monumento alla Madonna resti al suo posto e per preservare l’integrità e la vivibilità della storica piazza Sempione, il gioiello di città Giardino.
Ma ci siamo trovati di fronte a una Giunta municipale (per fortuna al termine del suo mandato) che ha negato la partecipazione e la trasparenza.

 
 

Il progetto della Giunta

La Giunta uscente del III Municipio ha approvato, senza alcuna condivisione con la cittadinanza, un progetto – già esecutivo – che prevede di accantonare il monumento storico alla Madonna e creare, di fronte al palazzo del Municipio, una vasta area pedonale configurata come una nuova “piazza nella piazza”: una grande pista da ballo per eventi notturni di forte impatto.

 
 

L’analisi del progetto

 

Il nostro Comitato Salviamo piazza Sempione mette innanzitutto a disposizione dei cittadini un’analisi critica del progetto. Oltre la retorica della “riqualificazione”, della piazza “liberata dalle macchine e restituita di cittadini”, evidenziamo che si tratta di una finta pedonalizzazione, che stravolge il volto storico e la destinazione urbana della piazza, destinandola a polo di attrazione della movida e del divertimentificio notturno. Un’aggressione al patrimonio storico-architettonico della città (oltre che al sentimento religioso dei cittadini), al solo fine di regalare il quartiere al profitto privato. Con pesanti ripercussioni sulla vivibilità dell’intero quartiere (ma anche sul traffico dell’intero quadrante Est della città che utilizza via Nomentana, poiché viene peggiorata la viabilità).

 

Per leggere il nostro DOSSIER di ANALISI approfondita del progetto, clicca qui.

 

Per leggere le nostre richieste ai candidati sulla necessità di rivedere il progetto, clicca qui.

 

Per leggere la nostra analisi del fenomeno “movida” e le nostre proposte ai candidati su come contenerlo, clicca qui.

 

Per leggere la relazione dell’arch. Galassi sul profilo storico e architettonico della piazza, clicca qui.

 

Per consultare i documenti del progetto approvato dal Municipio (anche se non aggiornati), clicca qui.

 

 

La petizione per salvare la piazza

 

Abbiamo raccolto in poche settimane, insieme con altri comitati e realtà rappresentativi del Municipio (come il Cdq Città Giardino), oltre 3.000 firme per chiedere la sospensione del progetto e presentare proposte di modifica capaci di salvaguardare l’identità storica, urbanistica e sociale della piazza, restituendo alla cittadinanza un luogo accogliente, funzionale alla frequentazione di tutte le fasce sociali e anche allo svolgimento di eventi culturali di qualità (per leggere la PETIZIONE, clicca qui).

 

3.000 firme “vere”, autografe: raccolte ai banchetti, con i documenti, tra i soli abitanti del Municipio: un risultato che sarebbe straordinario anche in tempi “normali” (senza le difficoltà del Covid e della “zona rossa” sopraggiunta).

 

Questo grande risultato avrebbe già dovuto far aprire gli occhi a qualsiasi Amministrazione davvero democratica. Invece la Giunta Caudo e la sua maggioranza sono restate sorde al dialogo.

 

Allora abbiamo manifestato in piazza il 2 maggio.
Abbiamo esteso a tutti i livelli la protesta dei cittadini: interrogazioni parlamentari, mozioni approvate dall’Assemblea capitolina, istanze agli Uffici competenti a rilasciare i pareri.

Pensavamo di aver ottenuto un primo grande risultato, con la rinuncia allo spostamento della Madonnina annunciata dalla Giunta, ma abbiamo scoperto che alle dichiarazioni pubbliche corrispondevano azioni di segno opposto!

L’assalto al monumento alla Madonna nella notte dello scorso 19 settembre segnala con forza che, in una piazza consegnata alla movida (come quella risultante dal progetto), sono compromessi non solo la quiete e la sicurezza, ma anche il patrimonio storico-architettonico del quartiere (e della città).
Da qui la necessità di fare di tutto per bloccare quel progetto scellerato e di concentrarsi anche sul controllo della movida.

La battaglia continua! (Sperando che la prossima Giunta non sia in continuità con la precedente)

 

 

Pagina Facebook: Comitato Salviamo piazza Sempione – APS

 

comitato@salviamopiazzasempione.it

Informativa privacy